documenti - riconoscimenti - statuto - regolamento


RICONOSCIMENTI

Scuola di musica riconosciuta per l’anno scolastico 2020/2021 con determinazione n. 9804 del 11.06.2020  del Responsabile del Servizio Sviluppo degli Strumenti Finanziari, Regolazione e Accreditamenti della Regione Emilia-Romagna, di cui alla DGR n. 2254/2009 e successive modificazioni.

 

Iscritta nel registro delle LFA del Comune di Bologna con il n.ro 3059, con Determinazione Dirigenziale Prot. 322049/2018 del 07.08.2018

 

Iscritta al Registro Regionale delle APS con il n.ro 5770, DPG/2018/18105 del 30/10/2018

 

Iscritta all'Albo dei Soggetti qualificati per la collaborazione in qualità di partner nei progetti "Qualifichiamo insieme la nostra scuola 0/6"  - http://www.comune.bologna.it/media/files/albo_candidature_al_30_04.pdf


Il tuo 5 x mille per sostenere alcuni dei progetti e delle necessità della nostra associazione: 

- attività musicali e musicoterapiche per persone anziane, disabili o in situazioni di fragilità sociale

- borse di studio e quote agevolate per allievi in difficoltà economiche

- musica accessibile: perché la musica sia davvero per tutti, senza barriere architettoniche, economiche, sociali

Puoi utilizzare il tuo bonus cultura per i corsi della nostra Associazione. Per info: 

www.18app.it  - ci trovi tra gli enti accreditati per la FORMAZIONE 

bonus fisico e online.

Concorda con la nostra segreteria le modalità di utilizzo del buono: insuono.bo@gmail.com

DATI PER LA FATTURAZIONE ELETTRONICA (vedi anche QR Code)

 

CODICE DESTINATARIO:  KRRH6B9

 

Denominazione : InSuono

Nazione : IT

Partita IVA : 03632581207

Codice Fiscale : 91399730372

SEDE via G. Mazzini 65, 40137 Bologna

 



STATUTO

STATUTO (aggiornato il 26/07/2019, secondo il DLgs 117/2017)

 

 

ART. 1 (Denominazione - sede - durata)

E’ costituito, nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed ai sensi degli artt. 36 e segg. del Codice Civile, nel rispetto del D.Lgs. n. 117/2017 e della normativa in materia, un Ente del terzo settore di promozione sociale culturale senza fini di lucro, non riconosciuto, apartitico e aconfessionale, denominato “InSuono APS”.                                                                                         

L’Associazione ha la sede legale in Bologna, Via Mazzini n. 65, ogni variazione di indirizzo non prevede modifica statutaria ma l’obbligo di comunicazione agli uffici competenti.

L’Associazione ha durata illimitata.

 

ART. 2 (Scopo - finalità)

L’Associazione ha la finalità di promuovere e diffondere l’educazione alla musica e alle arti, attraverso la ricerca e la pratica strumentale e vocale, sviluppando le potenzialità e le competenze personali di ognuno, con particolare riferimento ai portatori di handicap, alla terza età e alle realtà di marginalità sociale.  L’Associazione è aperta a tutte le fasce d’età e si prefigge di valorizzare le diversità, di stimolare la crescita e l’autostima di ogni persona attraverso l’arte e l’interazione tra gli individui, con specifici progetti per l’inclusione.

L’Associazione, aperta a tutti gli interessati che ne condividano esplicitamente scopi ed obiettivi, si propone di svolgere, in favore dei propri soci, dei loro familiari o di terzi, attività culturali, musicali, artistiche o ricreative di interesse sociale e attività di interesse generale, di cui all’art. 5, lettera i) del D.Lgs. n. 117/2017, di seguito specificate:

1.      progetti e laboratori per l’inclusione e l’integrazione attraverso la musica e le arti, lo sviluppo della creatività e dell’autostima individuale, l’incremento delle potenzialità e delle peculiarità di ognuno;

2.      percorsi e progetti di musicoterapia ed arteterapia;

3.      laboratori di educazione alla musica, alla vocalità e alla ritmica, per la prima infanzia e l’età prescolare, con particolare attenzione allo sviluppo logopedico e psicomotorio di ogni bambino;

4.      percorsi musicali ed artistici specifici per gli adolescenti, con particolare attenzione per le inclinazioni individuali e gli stili comunicativi propri di tale fascia d’età;

5.      laboratori specifici per la terza età;

6.      corsi musicali, strumentali e vocali differenziati per le varie fasce d’età  (bambini, ragazzi, adulti). Detti corsi sono rivolti sia a quanti si avvicinano per la prima volta allo studio della musica che a quanti intendono perfezionarsi in un dato strumento o repertorio;

7.      attività di musica d’insieme, orchestra, coro, movimento e globalità dei linguaggi;

8.      percorsi e progetti d’interazione tra le varie arti, con particolare riferimento al rapporto tra la musica e i vari ambiti dello sviluppo creativo  (arti visive e figurative, danza, teatro, cucina...);

9.      attività a livello nazionale ed internazionale di consulenza, formazione ed aggiornamento sulla didattica, metodologia e pedagogia musicale, rivolte ad enti, studenti, tirocinanti, universitari e di Conservatorio, docenti, educatori ed operatori socio sanitari, istituzioni e servizi pubblici e privati;

10.  organizzazione e promozione, in Italia e all’estero, di concerti, spettacoli, convegni, seminari, laboratori, esposizioni e mostre; attività di studio, ricerca, divulgazione e documentazione, nell’ambito della cultura musicale e dell’arte in genere; pubblicazione di libri e riviste ed ogni altro mezzo ritenuto idoneo agli obiettivi dell’Associazione.

 

Il perseguimento di tali finalità è svolto secondo modalità e metodologie condivise, quali: l’accoglimento di ogni persona nelle proprie peculiarità e la valorizzazione delle differenze; l’accompagnamento di ognuno all’interno di un percorso personalizzato, orientato al rafforzamento dell’autostima e della creatività attraverso la pratica della musica e l’esperienza artistica; la conseguente realizzazione di percorsi specifici, differenziati per età e caratteristiche sociali dei partecipanti; la valorizzazione di esperienze musicali, artistiche, sociali e relazionali di collaborazione e d’assieme; l’attenzione a specifiche necessità del territorio e delle varie realtà con cui l’Associazione viene a contatto e l’elaborazione di strategie mirate alla soddisfazione di tali bisogni; lo studio e l’aggiornamento di metodologie adeguate alle diverse situazioni e attività che l’Associazione gestisce ed organizza, ad esempio:

-        percorsi per l’inclusione di bambini e ragazzi con disabilità, progettati in accordo con la famiglia e gli specialisti: laboratori musicali e musicoterapici specifici all’interno della classe frequentata, oppure percorsi individuali o in piccolo gruppo da svolgersi presso l’Associazione o altra sede;

-        in sinergia con altre istituzioni culturali e socio-sanitarie (ad es. centri anziani, case di cura, case-famiglia, biblioteche, ecc.) e studiando opportune strategie d’intervento, laboratori specifici a favore delle categorie fragili: adolescenti con disagio sociale, anziani soli, persone con disabilità, adulti emarginati, ecc.;

-        laboratori 0-6 anni, svolti presso Nidi d’Infanzia o Scuole dell’Infanzia, oppure presso la sede dell’Associazione o altre sedi, che prevedono un approccio alla musica basato sulla tecnica e sull’emozione, in un contesto creativo, metodologicamente ludico, dove la musica (vocalità, ritmica, educazione all’orecchio, movimento ed espressione corporea) si apprende giocando;

-        percorsi per l’età scolare svolti presso le Scuole Primarie e Secondarie, rivolti a gruppi classe o a sottogruppi, oppure svolti presso la sede dell’Associazione o altre sedi: in accordo con l’età e le capacità di ciascuna persona e/o gruppo di lavoro, si elaborano percorsi orientati all’approccio ad uno o più strumenti, allo sviluppo del linguaggio ritmico e melodico, alla letto-scrittura musicale, alla pratica corale, cameristica e orchestrale, e a varie attività culturali, finalizzate allo sviluppo del senso estetico e a stimolare l’entusiasmo e la passione per le arti; 

-        proposte differenziate per i giovani e gli adulti, che, tra le attività dell’Associazione, possono affrontare uno studio più tecnico del repertorio antico, classico o moderno e della teoria musicale, fare esperienza corale, cameristica e orchestrale; creare ensemble o gruppi pop-rock, avere spazi di studio personale e per le prove del proprio ensemble, esibirsi in vari contesti; scambiare conoscenze e competenze con altri soci; ciò avviene sempre in accordo con le possibilità e le peculiarità di ciascuno, con finalità non solo performative ed esecutive, ma anche relazionali, in modo da costituire una rete sociale capace di integrare nei vari percorsi anche le persone più fragili, di coinvolgere in maniera proattiva tutti i soci, creando anche un nutrito gruppo di volontari;

-        proposte per la terza e quarta età che spaziano dall’attivazione di laboratori corali, vocali e strumentali ad iniziative specifiche come laboratori-concerto, lezioni e ascolti guidati, pomeriggi musicali, attività più prettamente musicoterapiche ecc.; tali attività sono orientate alla creazione di una rete sociale, in contrasto alla solitudine, all’emarginazione e alle fragilità sociali;

-        eventi divulgativi, culturali, performativi e sociali, connessi con le esigenze specifiche del territorio.

 

Per tali scopi l’Associazione potrà:

a.       avvalersi in modo prevalente dell’attività volontaria degli associati o delle persone aderenti agli Enti associati; se necessario per il conseguimento delle finalità statutarie e per lo svolgimento dell’attività di interesse generale, potrà altresì assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo o di altra natura, anche ricorrendo ai propri associati, purché il numero dei lavoratori non sia superiore al 50% del numero dei volontari o al 5% del numero degli associati;

b.      in via sussidiaria e non prevalente potrà svolgere attività commerciali finalizzate al raggiungimento dello scopo statutario e atte a garantire la sussistenza economica, la funzionalità dell’Associazione  e a favorirne lo sviluppo;

c.       interagire con altri enti pubblici e privati che non siano in contrasto con la natura dell’Associazione stessa al fine di potenziare il raggiungimento degli obiettivi e/o la comunicazione con l’utenza;

d.      compiere tutti quegli atti necessari e concludere ogni operazione di natura mobiliare, immobiliare e finanziaria, nessuna esclusa.

 

ART. 3 (Associati)

Il numero dei soci è illimitato, con un minimo di 7 soci.

Possono essere soci dell’Associazione le persone fisiche e gli Enti senza scopo di lucro che ne condividono gli scopi e che si impegnano a realizzarli, a condizione che il loro numero non superi il 50% del numero delle associazioni di promozione sociale.

E’ espressamente escluso ogni limite sia temporale che operativo al rapporto associativo medesimo e ai diritti che ne derivano.

 

ART. 4 (Domanda di ammissione)

Chi intende essere ammesso come socio dovrà farne richiesta, sottoscrivendo un’apposita domanda, impegnandosi ad attenersi al presente statuto e ad osservare gli eventuali regolamenti e le delibere adottate dagli organi dell’Associazione.

In caso di domande di ammissione a socio presentate da minorenni, le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la potestà.  In caso di domanda presentata da Enti senza scopo di lucro o del terzo settore, essa dovrà essere presentata dal legale rappresentante pro tempore del soggetto che richiede l’adesione. E’ compito del Consiglio Direttivo esaminare ed esprimersi entro 30 giorni, in merito alla domanda di ammissione. All’atto di accettazione della domanda, con contemporaneo versamento della quota associativa, verrà effettuata l’iscrizione nel libro soci e il richiedente l’eventuale rigetto della domanda dovrà essere motivato e l’aspirante socio potrà ricorrere alla prima Assemblea indetta.

 

ART. 5 (Diritti)

La qualifica di socio dà diritto:

-        a partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione;

-        a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto in tutte le sedi deputate, in particolare in merito all’approvazione e modifica delle norme dello statuto ed eventuali regolamenti e alla nomina degli organi direttivi dell’Associazione;

-        a godere dell’elettorato attivo e passivo; nel caso di Enti senza scopo di lucro o del terzo settore, il diritto di accedere alle cariche associative è riconosciuto in capo ai loro legali rappresentanti o mandatari;

-        alla consultazione dei libri sociali.

 

ART. 6 (Doveri)

I soci sono tenuti:

-        all’osservanza dello statuto, dell’eventuale regolamento e delle deliberazioni legittimamente assunte dagli organi associativi;

-        al versamento del contributo associativo annuale stabilito in funzione dei programmi di attività.

Tale quota dovrà essere determinata annualmente per l’anno successivo con delibera del Consiglio Direttivo e in ogni caso non potrà mai essere restituita.  Le quote o i contributi associativi sono intrasmissibili e non rivalutabili.

 

ART. 7 (Perdita della qualifica di socio)

La qualifica di socio si perde per recesso, esclusione, per mancato versamento della quota associativa annuale o per causa di morte o di estinzione dell’Ente.

Le dimissioni da socio dovranno essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo e hanno effetto a partire dall’annotazione sul libro soci.

L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio:

-        che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali regolamenti e delle delibere adottate dagli organi dell’Associazione;

-        che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell’Associazione;

-        che, in qualunque modo, arrechi o possa arrecare gravi danni, anche morali, all’Associazione.

Successivamente il provvedimento del Consiglio Direttivo dovrà essere ratificato dalla prima Assemblea ordinaria che sarà convocata. Nel corso di tale Assemblea, alla quale deve essere convocato il socio interessato, si procederà in contraddittorio ad una disamina degli addebiti.

L’esclusione diventa operante dall’annotazione nel libro soci.

Il mancato pagamento della quota associativa annuale entro due mesi decorrenti dall’inizio dell’esercizio sociale comporta l’automatica decadenza del socio senza necessità di alcuna formalità.

Le deliberazioni prese in materia di esclusione devono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera. I soci receduti, decaduti od esclusi non hanno diritto al rimborso del contributo associativo annuale versato.

 

ART. 8 (Risorse economiche - fondo comune)

L’Associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento delle sue attività da:

quote e contributi degli associati;

a.       eredità, donazioni e legati;

b.      contributi dello stato, delle regioni, di enti locali, di istituzioni ed enti pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati progetti realizzati nell’ambito dei fini statutari;

c.       contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali;

d.      entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;

e.       proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, svolte in  maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;  

f.       erogazioni liberali degli associati e dei terzi;

g.       entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, per esempio: attività ludiche, quali feste, gite, sottoscrizioni anche a premi;

h.      altre entrate compatibili con  le finalità sociali dell’associazionismo.

 

Il fondo comune, costituito da avanzi di gestione, fondi, riserve e tutti i beni acquisiti a qualsiasi titolo dall’Associazione, non è mai ripartibile fra i soci durante la vita dell’Associazione né all’atto del suo scioglimento.

E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto o differito, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

L’Associazione ha l’obbligo di reinvestire l’eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali statutariamente previste.

 

ART. 9 (Esercizio sociale)

L’esercizio sociale va dal 01 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo deve predisporre il bilancio o il rendiconto economico-finanziario da presentare all’Assemblea degli associati.

Il bilancio o il rendiconto economico deve essere approvato dall’Assemblea degli associati entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

 

ART. 10 (Organi dell’Associazione)

Sono organi dell’Associazione :

l’Assemblea degli associati

il Consiglio Direttivo

il Presidente

 

ART. 11 (Assemblee)

L’Assemblea generale dei soci è il massimo organo deliberativo dell’Associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.

Essa è l’organo sovrano dell’Associazione e all’attuazione delle decisioni da essa assunte provvede il Consiglio Direttivo.

L’Assemblea ordinaria delibera su tutti gli oggetti attinenti alla gestione dell’Associazione, riservate alla sua competenza da presente statuto e su qualsiasi proposta venga presentata alla sua attenzione che non sia però di pertinenza dell’Assemblea straordinaria.

In particolare sono compiti dell’Assemblea ordinaria:

a.       elezione del Consiglio Direttivo;

b.      approvazione del bilancio o del rendiconto economico-finanziario;

c.       approvazione dei programmi dell’attività da svolgere;

d.      approvazione di eventuali regolamenti;

e.       deliberazione in merito al rigetto e all’esclusione dei soci.

 

ART. 12  

L’Assemblea, di norma, è considerata straordinaria quando si riunisce per deliberare sulle modificazioni dello statuto e sullo scioglimento dell’Associazione nominando i liquidatori.

 

ART. 13

La convocazione dell’Assemblea viene effettuata dal Presidente del Consiglio Direttivo e pubblicizzata mediante avviso da affiggersi nei locali della sede sociale almeno 20 giorni prima dell’adunanza, contenente l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e della eventuale seconda convocazione che dovrà avvenire a distanza di almeno un giorno dalla prima convocazione.

Essa ha luogo almeno una volta all’anno entro i quattro mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale per l’approvazione del rendiconto economico-finanziario.

L’Assemblea si riunisce, inoltre, quante volte il Consiglio Direttivo lo ritenga necessario o ne sia fatta richiesta per iscritto, con indicazione delle materie da trattare, almeno da 1/10 degli associati.

In questi ultimi casi la convocazione deve avere luogo entro 20 giorni dalla data della richiesta.

In prima convocazione l’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita quando siano presenti o rappresentati almeno la metà + uno degli associati con diritto di voto.

In seconda convocazione, l’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli associati con diritto di voto intervenuti o rappresentati.

Nelle assemblee hanno diritto al voto gli associati maggiorenni in regola con il versamento della quota associativa. Le modalità di votazione seguono il principio del voto singolo: una testa 1 voto.

Ogni socio può rappresentare in Assemblea, per mezzo di delega scritta non più di due associati.

L’Assemblea sia ordinaria che straordinaria delibera a maggioranza dei soci presenti o rappresentati mediante delega sia in prima che in seconda convocazione, salvo che sullo scioglimento dell’Associazione, per il quale occorrerà il voto favorevole dei 3/4 degli associati.

Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità, gli amministratori non hanno voto.

 

ART. 14

L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione ed in sua assenza dal Vice Presidente o dalla persona designata dall’Assemblea stessa.

La nomina del segretario è fatta dal Presidente dell’Assemblea.

Le deliberazioni dell’Assemblea devono constare da verbale, sottoscritto dal Presidente e dal segretario.

 

ART. 15 (Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo è eletto dall’Assemblea dei soci ed è formato da un numero dispari compreso fra un minimo di 3 ad un massimo di 7 membri eletti fra gli associati; il numero dei membri è determinato dall’Assemblea.

I componenti del Consiglio restano in carica 4 anni e sono rieleggibili.

Il Consiglio elegge al proprio interno il Presidente ed il vice Presidente.

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente tutte le volte nelle quali vi sia materia su cui deliberare, oppure quando ne sia fatta domanda dal almeno 1/3 del membri.

La convocazione è fatta a mezzo lettera, mail o fax da spedirsi non meno di 8 giorni prima dell’adunanza.

Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei componenti e le deliberazioni sono adottate con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti votanti.

I verbali di ogni adunanza del Comitato Direttivo, redatti a cura del segretario e sottoscritti dallo stesso e da chi ha presieduto l’adunanza, vengono conservati agli atti.

Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione dell’Associazione.

Spetta, pertanto, fra l’altro a titolo esemplificativo, al Consiglio:

a.       curare le esecuzioni delle deliberazioni assembleari;

b.      redigere il bilancio o il rendiconto economico-finanziario;

c.       redigere i programmi dell’attività da svolgere; 

d.      redigere i progetti per l’impiego degli avanzi di gestione;

e.       predisporre gli eventuali regolamenti interni;

f.       stipulare gli atti e contratti inerenti all’attività sociale;

g.       deliberare circa il recesso e l’esclusione degli associati;

h.      nominare i responsabili delle commissioni di lavoro e dei settori di attività in cui si articola la vita dell’Associazione; 

i.        compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell’Associazione che non siano spettanti all’Assemblea dei soci, ivi compresa la determinazione della quota associativa annuale;

j.        vigilare sul buon funzionamento di tutte le attività sociali e coordinamento delle stesse.

 

ART. 16

In caso di mancanza di uno o più componenti, come in caso di decadenza dalla carica dovuta ad assenze ingiustificate per almeno 3 volte consecutive, il Consiglio provvede a sostituirli, nominando i primi fra i non eletti in sede di Assemblea per il rinnovo delle cariche sociali, che rimangono in carica fino allo scadere dell’intero Consiglio, previa ratifica da parte dell’Assemblea dei soci immediatamente successiva.  Nell’impossibilità di attuare tale modalità, il Consiglio non procederà a nessuna sostituzione fino alla successiva Assemblea cui spetterà eleggere i sostituti per il reintegro dell’organo fino alla sua naturale scadenza.

Se viene meno la maggioranza dei membri, quelli rimasti in carica debbono convocare entro 20 giorni l’Assemblea perché provveda all’elezione di un nuovo Consiglio.

 

ART. 17 (Presidente)

Il Presidente ha la rappresentanza e la firma legale dell’Associazione.

Il Presidente, eletto dal Consiglio Direttivo, ha il compito di presiedere lo stesso, nonché l’Assemblea dei soci, stabilisce l’ordine del giorno delle riunioni del Consiglio Direttivo, le presiede e coordina l’attività dell’Associazione con criteri di iniziativa per tutte le questioni non eccedenti l’ordinaria amministrazione.

Il Presidente cura l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo e in caso di urgenza ne assume i poteri chiedendo ratifica allo stesso dei provvedimenti adottati nella riunione immediatamente successiva.

In caso di assenza o di impedimento le sue mansioni vengono esercitate dal Vice Presidente.

In caso di dimissioni spetta al Vice Presidente convocare entro 30 giorni il Consiglio Direttivo per l’elezione del nuovo presidente.

 

ART. 18 (Pubblicità e trasparenza degli atti sociali)

Oltre alla regolare tenuta dei libri sociali (Assemblea, Consiglio Direttivo, Soci), deve essere assicurata una sostanziale pubblicità e trasparenza degli atti relativi all’attività dell’Associazione, con particolare riferimento ai Bilanci o Rendiconti annuali.

Tali documenti sociali, conservati presso la sede sociale, devono essere messi a disposizione dei soci per la consultazione; chi desidera avere copia dei documenti dovrà farsi carico delle relative spese.

 

ART. 19 (Scioglimento)   

Lo scioglimento dell’Associazione deve essere deliberato dall’Assemblea straordinaria con il voto favorevole di almeno i 3/4 degli associati aventi diritto di voto. In caso di scioglimento dell’Associazione sarà nominato un liquidatore, scelto anche fra i non soci, che curi la liquidazione di tutti i beni mobili ed immobili ed estingua le obbligazioni in essere.

L’Assemblea, all’atto di scioglimento dell’Associazione, delibererà, sentito l’organismo di controllo preposto secondo le previsioni di legge, in merito alla destinazione dell’eventuale residuo attivo dell’Associazione.

Tutti i beni residui saranno devoluti ad altre Associazioni che perseguano finalità analoghe oppure a fini di pubblica utilità e comunque a fini di utilità sociale, fatta salva diversa destinazione imposta dalla legge.

E’ esclusa in ogni caso qualunque ripartizione tra i soci del patrimonio residuo.

 

ART. 20 (Foro competente)    

La definizione di qualsiasi controversia, che insorgesse tra i soci o tra questi e qualsiasi organo dell’Associazione è di competenza del Foro di Bologna.

 

ART. 21 (Norma finale)

Per quanto non è espressamente contemplato dal presente statuto, valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di legge vigenti.


REGOLAMENTO

Regolamento per gli iscritti ai corsi e laboratori di musica e arte

 

PREMESSE DIDATTICHE ED EDUCATIVE: 

L’Associazione InSuono promuove percorsi di educazione musicale, studio dello strumento e del canto, musica d’assieme, coralità, musicoterapia, musica applicata alle arti in una dimensione inclusiva e che favorisca le inclinazioni e le potenzialità di ciascun allievo.  Tali percorsi sono concordati tra gli allievi (insieme ai loro genitori, in caso di allievi più piccoli) e i maestri all’inizio di ogni anno scolastico, e possono essere rivalutati e ricalibrati durante il corso dell’anno.

Chiunque desideri partecipare alla vita associativa e/o ai corsi e laboratori organizzati dall’Associazione, può farne richiesta e iniziare il percorso formativo e sociale proposto da InSuono, purché ne condivida le finalità e le modalità di partecipazione.

E’ di primaria importanza il confronto diretto e aperto tra gli allievi e gli insegnanti, a cui è sempre possibile richiedere un colloquio (fuori dalle ore di lezione).

L’Associazione organizza anche lezioni aperte, saggi, concerti, lezioni-concerto, eventi sociali e spettacoli, proprio per condividere la propria metodologia e didattica. La finalità dell’Associazione è creare un ambiente accogliente ed educativo dove potersi esprimere attraverso la musica e le arti, vivendo l’esperienza musicale con entusiasmo e serenità, anche tramite la condivisione di tale esperienza tra pari. Per ottenere questo clima proficuo di lavoro, possibile solo con un’organizzazione precisa e puntuale del lavoro degli insegnanti, dei gruppi e dei singoli allievi, è fondamentale da parte di tutti il rispetto di alcune semplici regole.

 

PROGRAMMA E ORGANIZZAZIONE DEI CORSI E LABORATORI

  • Per i bambini e i ragazzi 6-18 anni, il calendario delle lezioni è strutturato secondo il Calendario Scolastico della Regione Emilia Romagna: l’avvio dei corsi annuali, le festività e le vacanze vengono determinate sulla base di suddetto calendario, ad eccezione dei campi estivi, di laboratori extra, di sessioni di prove, di eventi o di particolari circostanze valutate di anno in anno dal Consiglio Direttivo dell’Associazione. Salvo casi eccezionali, solitamente l’attività didattica si articola in 32 lezioni settimanali da 2 ore (8 cicli di 4 lezioni ciascuno), per garantire lo svolgimento della programmazione didattica, cui si aggiungono prove, incontri, seminari, eventi specifici. Durante le 2 ore di lezione settimanali, ciascun allievo affronta l’attività di strumento/canto (in lezioni individuali o di piccolo gruppo, a seconda del livello e dell’età) e di linguaggio musicale, solfeggio, musica d’assieme, coro, orchestra (lezioni in gruppi di pari livello, formazioni strumentali e/o vocali). In accordo con il percorso specifico di ciascun allievo, in connessione con esigenze didattiche e pedagogiche, e per facilitare i processi inclusivi, sarà possibile apportare lievi variazioni, in accordo con la famiglia, all’orario e al calendario delle lezioni.
  • Per i giovani e gli adulti, il calendario si struttura in lezioni individuali di un’ora a cadenza settimanale o bisettimanale, in giorno ed orario concordato con l’insegnante, con una certa flessibilità nel gestire le festività, le vacanze, i ponti ecc, proprio per permettere a ciascun allievo di frequentare l’attività musicale in maniera compatibile con i propri orari di lavoro o studio. Ogni anno, ciascun allievo svolge 6-8 cicli di 4 lezioni individuali da un’ora, cui si aggiungono 2-3 sessioni annuali di gruppo, di 15-30 ore ciascuna, dedicate a seminari e lezioni di teoria musicale, armonia, storia della musica, e a prove di assieme (ensemble, band, coro e orchestra). Il monteore annuale, che varia a seconda del percorso di ciascun allievo, è comunque compreso tra le 60 e le 120 ore all’anno. Gli allievi giovani e adulti sono poi invitati frequentemente a partecipare attivamente ai concerti e agli eventi promossi dall’Associazione in favore delle varie realtà sociali e culturali del territorio,in modo da integrare attività didattica, concertistica, sociale.
  • Per i bambini o-6 anni, tra ottobre e giugno ogni anno si organizzano 2-3 cicli di 10 incontri ciascuno, oltre a vari laboratori tematici,  organizzati sia durante l’anno scolastico che nel periodo estivo.
  • Per gli anziani sono previsti dei percorsi laboratoriali, musicali e musicoterapici, inclusivi e volti ad ampliare la rete sociale e solidale, oltre che a trasmettere contenuti musicali:  solitamente 2 cicli di 8-10 incontri ciascuno di vocalità e strumento ogni anno, lezioni-concerto, momenti musicali aggregativi e sociali, per un totale di 25-30 incontri all’anno.  

 

FREQUENZA ALLE LEZIONI

  • E’ raccomandata la massima puntualità alle lezioni.
  • I genitori o gli accompagnatori, se strettamente necessario e in casi particolari, possono attendere i minori nella sala d’attesa. Fatto salvo l’invito esplicito da parte dell’insegnante, non possono per alcun motivo entrare nell’aula di lavoro e tanto meno permanere nei corridoi.
  • In caso si giunga con largo anticipo, l’accompagnatore è pregato di attendere con il minore l’orario di lezione nella sala d’attesa. Fuori dall’orario di lezione, comunque, non è garantito il servizio di front-office e portineria.
  • In caso di gravi motivi che comportino il ritardo nel ritiro del minore, i genitori o gli accompagnatori sono pregati di avvisare telefonicamente la segreteria.

 

STRUMENTI, MATERIALI, OGGETTI PERSONALI

  • L’Associazione fornisce strumenti materiali di lavoro ai singoli allievi. Ciascun insegnante, per le proprie finalità didattiche, può richiedere agli allievi l’acquisto di materiali specifici, ivi compreso lo strumento di studio. L’Associazione dispone altresì di vari strumenti musicali che può dare ai soci e agli allievi in prestito gratuito, previa richiesta e impegno a un utilizzo consono.
  • È importante che l’allievo si presenti a lezione sempre con tutti i materiali consegnati o indicati dagli insegnanti, in ordine e senza smarrirli.  In caso di smarrimento di materiale già fornito dall’Associazione all’allievo, sarà consegnata una seconda copia a spese dell’allievo.
  • Si sconsiglia di introdurre a lezione giochi o oggetti personali: l’Associazione non risponderà in caso di smarrimento o danneggiamento dei medesimi.
  • In caso di danneggiamento a strumenti e materiali di possesso dell’Associazione o dei luoghi ospitanti, l’Associazione ne chiederà il rimborso ai responsabili.

 

PAGAMENTI, ASSENZE, RECUPERI, DISDETTE

  • Tra le finalità primarie dell’Associazione vi è la pratica della musica d’assieme, l’inclusione e l’integrazione di tutti gli allievi dagli 0 anni in avanti, la condivisione di percorsi comuni, lo sviluppo di una rete sociale attraverso la musica. Per questo motivo, le quote e i contributi richiesti per la frequenza alle lezioni sono volti a coprire la spesa relativa alle lezioni di strumento/canto (spazi, materiali, professionisti...) e a una parte delle attività laboratoriali. Tutte le altre attività, laboratori extra, prove, seminari, attività di linguaggio musicale, musica d’assieme, teoria musicale, orchestra, coro ecc., sono solitamente offerte dall’Associazione e sponsorizzate da contributi pubblici, donazioni di privati, eventi di raccolta fondi ecc. In caso di particolari eventi e situazioni, l’Associazione può chiedere un contributo a fronte di spese sostenute (affitto locali e teatri, permessi, SIAE ecc.).
  • Per mettere in atto strategie e strumenti adeguati di integrazione ed inclusione di persone con fragilità, così come per permettere quote di contribuzione agevolata tramite la presentazione dell’attestazione ISEE, l’Associazione, oltre ai contributi di frequenza, che coprono solo una parte delle spese sostenute, utilizza i proventi del 5 per mille, donazioni di privati, collaborazioni con il territorio, finanziamenti pubblici, partnership con realtà benefiche pubbliche e private, che vanno a supportare la spesa sostenuta per dotarsi di strumentazione, materiali e personale specializzato.
  • Previa presentazione dell’attestazione ISEE, è possibile richiedere una quota di contribuzione agevolata, secondo le modalità e le percentuali indicate nella modulistica dedicata. Tale richiesta, dovrà essere presentata ogni anno ed approvata dal Direttivo dell’Associazione.
  • Il pagamento di ciascun ciclo di lezioni deve avvenire prima o all’inizio del ciclo stesso, così come la quota d’iscrizione annuale alla scuola di musica (che è uguale per tutti indipendentemente dall’ISEE e comprende la copertura assicurativa), che va versata all’inizio dell’A.S. In caso di mancato pagamento, non si garantisce lo svolgimento delle lezioni o la possibilità di parteciparvi. In base alle preferenze di ciascun allievo, è possibile anche pagare più di un ciclo alla volta. L’eventuale ritiro dai suddetti corsi deve essere comunicato entro il ciclo precedente al loro inizio, pena il pagamento degli stessi.
  • Sono esonerati dal pagamento della quota d’iscrizione alla scuola di musica i soci dell’Associazione InSuono che siano in regola con il pagamento della quota associativa annuale.
  • Per gli allievi che si iscriveranno ad anno scolastico iniziato, il totale del primo ciclo frequentato viene calcolato dal momento effettivo di frequenza. Questi sono in ogni caso tenuti a versare per intero la quota di iscrizione.
  • In caso di assenza da parte dell’allievo, è possibile recuperare venendo in altra giornata di lezione (per le lezioni collettive, si parteciperà all’attività di un altro gruppo), previo accordo con gli insegnanti e comunicando tale assenza entro 24 ore dalla lezione prevista. Non saranno accettati recuperi di assenze non comunicate per tempo, se non per gravi e comprovati motivi. Le assenze consecutive per gravi motivi di salute, documentate tempestivamente, prevedono il recupero totale delle lezioni. In nessun caso verranno rimborsate le lezioni non frequentate.
  • In caso di assenza dell’insegnante, l’Associazione provvede a individuare un supplente o a organizzare un recupero con l’insegnante medesimo.

 

MODALITA' DI PAGAMENTO:  -  in contanti/assegno bancario presso la segreteria dell'Associazione

-  tramite bonifico bancario al seguente iban: IT86H0200802453000104897504  

Intestato a “InSuono”, Via Mazzini 65 BO -  Unicredit – Agenzia 0325 Bologna Mazzini

Causale: “nome/cognome allievo - contributo per 1°/2°/3°...ciclo” (Es: Ugo Neri - contributo 4°ciclo)

 

PER DONAZIONI A SOSTEGNO DELL’ATTIVITA’ SOCIALE E BENEFICA

-  in contanti/assegno bancario presso la segreteria dell'Associazione

-  tramite bonifico bancario al seguente iban: IT86H0200802453000104897504  

Intestato a “InSuono”, Via Mazzini 65 BO -  Unicredit – Agenzia 0325 Bologna Mazzini

Causale: “EROGAZIONE LIBERALE" o , se si desidera donare per uno specifico progetto "DONAZIONE PER PROGETTO..." 

NB - Si ricorda che sarà possibile detrarre/dedurre dalla dichiarazione dei Redditi

solo le donazioni tracciabili, ossia quelle avvenute tramite bonifico o assegno.


DETRAZIONI E CONTRIBUTI

Download
Contributo Educazione musicale 2020
Testo ministeriale per il contributo fino a 200euro a favore di famiglie, con isee non superiore ai 30mila euro, con figli frequentanti scuole di musica riconosciute
contributo_educazione_musicale-avviso_pu
Documento Adobe Acrobat 326.0 KB
Download
Bonus musica 2021
Testo ministeriale per il contributo fino a 1000€ a favore di famiglie con un reddito complessivo non superiore ai 36.000€, con figli tra i 5 e i 18 anni di età iscritti a scuola di musica riconosciute.
Legge di bilancio_Bonus musica 2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 183.0 KB
Download
Detrazioni fiscali per le erogazioni liberali
Indicazioni ministeriali per la detrazione fiscale di donazioni liberali: al 30% fino a 30.000€ o fino al 10% del reddito complessivo dichiarato (valido anche per enti o società).
Legge sulla detrazione fiscale per EROGA
Documento Adobe Acrobat 181.7 KB

ASSOCIAZIONE IN CHIARO: convocazioni, rendiconto economico, bilancio, contributi pubblici ecc.

Download
Rendiconto Economico 2018 (Anno 2017)
Amministrazione Trasparente: Rendiconto Economico 2018 (Anno di riferimento 2017)
contoeconomico1insuono2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 61.4 KB
Download
stato patrimoniale InSuono 2018 (Anno 2017)
Amministrazione Trasparente: stato patrimoniale 2018 (dati relativi all'anno 2017)
statopat1insuono_2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 51.0 KB
Download
Rendiconto economico 2017-2019
bilancio_2017-19.pdf
Documento Adobe Acrobat 53.4 KB
Download
Relazione d'esercizio 2020 (anno 2019)
verb_ass_04_relazione di esercizio_all_0
Documento Adobe Acrobat 266.2 KB
Download
Rendiconto economico 2020 (anno 2019)
verb_ass_04_all_01c_RENDICONTO DI CASSA.
Documento Adobe Acrobat 66.3 KB
Download
Convocazione 5a Assemblea Soci - Esercizio Sociale 2020
Testo della convocazione dei Soci 2020
CONVOCAZIONE_05_ASS_soci2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 155.1 KB